LEZIONE 109

76f3ecb4e1915e801bf8141f1c9207b9

Oggi riposi. E non appena chiudi gli occhi ti immergi nella quiete. Lascia che questi periodi di riposo e sollievo riassicurino la tua mente che tutte le sue frenetiche fantasie non erano altro che sogni febbrili che se ne sono andati via. Lascia che essa sia quieta ed accetti con gratitudine la sua guarigione. Non sorgeranno più sogni pieni di paura, ora che riposi in Dio. Oggi prenditi del tempo per scivolare fuori dai sogni dentro la pace.

LEZIONE 109
Io riposo in Dio.

Oggi chiediamo riposo e una quiete non scossa dalle apparenze del mondo. Chiediamo pace e quiete, in mezzo a tutto il tumulto che nasce da sogni contrastanti. Chiediamo la sicurezza e la felicità, anche se sembriamo vedere pericolo e tristezza. E abbiamo il pensiero che risponderà alle nostre domande con ciò che chiediamo.
“Io riposo in Dio”. Questo pensiero ti porterà riposo e quiete, pace e tranquillità, la sicurezza e la felicità che cerchi. ”Io riposo in Dio”. Questo pensiero ha il potere di risvegliare la verità che dorme in te, la cui visione vede, al di là delle apparenze, la stessa verità in ognuno e in ogni cosa che esiste. Ecco la fine della sofferenza per tutto il mondo, e per chiunque sia mai venuto o verrà ancora a vivere per un po’ di tempo. Ecco è il pensiero nel quale il Figlio di Dio rinasce, per riconoscere se stesso.
“Io riposo in Dio”. Assolutamente impavido questo pensiero ti porterà attraverso tempeste e conflitti, oltre miserie e dolori, oltre perdite e morti, avanti verso la certezza di Dio. Non c’è sofferenza che non possa guarire. Non c’è problema che non possa risolvere. E non vi è apparenza che non si trasformerà in verità davanti agli occhi di te che riposi in Dio.
Questo è il giorno della pace. Tu riposi in Dio, e mentre il mondo è dilaniato da venti di odio, il tuo riposo resta del tutto indisturbato. Tuo è il riposo della verità. Le apparenze non possono insinuarsi in te. Tu lanci a tutti il richiamo di unirsi a te nel tuo riposo, ed essi udranno e verranno a te, perché tu riposi in Dio. Essi non udranno voce diversa dalla tua perché tu hai dato la tua voce a Dio, ed ora riposi in Lui e lasci che Egli parli attraverso di te.
In Lui non hai inquietudine né preoccupazioni, né fardelli, né ansie, né dolore, né paura del futuro, né rimpianti per il passato. Tu riposi nell’assenza di tempo, mentre il tempo scorre senza toccarti, perché il tuo riposo non potrà mai cambiare in nessun modo. Oggi riposi. E non appena chiudi gli occhi ti immergi nella quiete. Lascia che questi periodi di riposo e sollievo riassicurino la tua mente che tutte le sue frenetiche fantasie non erano altro che sogni febbrili che se ne sono andati via. Lascia che essa sia quieta ed accetti con gratitudine la sua guarigione. Non sorgeranno più sogni pieni di paura, ora che riposi in Dio. Oggi prenditi del tempo per scivolare fuori dai sogni dentro la pace.
In ogni ora in cui ti riposi, una mente stanca viene improvvisamente resa felice, un uccellino con le ali spezzate inizia a cantare, un ruscello asciutto da lungo tempo riprende a scorrere. Il mondo rinasce ogni volta che ti riposi e ricorda ogni ora che tu sei venuto per portare nel mondo la pace di Dio, affinché il mondo possa riposare con te.
Attraverso ciascuno dei tuoi cinque minuti in cui riposi, il mondo si avvicinerà sempre di più al risveglio. Ed il momento in cui il riposo sarà l’unica cosa che c’è, si avvicinerà a tutte le menti esauste e stanche, troppo affaticate ora per percorrere la propria strada da sole. Ed esse udranno l’uccellino che comincerà a cantare, e vedranno il ruscello che ricomincerà a scorrere, con speranza rinata ed energia rinvigorita per avanzare con passi alleggeriti lungo la strada che sembrerà improvvisamente facile man mano che essi procederanno.
Oggi riposi nella pace di Dio, e dal tuo riposo chiami i tuoi fratelli per portarli a riposare insieme a te. Oggi confiderai nella tua fiducia, non dimentico di nessuno, e porterai tutti nel cerchio sconfinato della tua pace, il santo santuario nel quale riposi. Apri le porte del tempio e lascia che essi vengano da lontano e da vicino, attraverso il mondo; i tuoi fratelli lontani ed i tuoi amici più intimi; invitali tutti ad entrarvi ed a riposare con te.
Oggi riposi nella pace di Dio, tranquillo e senza paura. Ogni fratello viene per riposare e a offrirti riposo. Riposiamo insieme qui, così che il nostro riposo sia completo, e ciò che diamo oggi lo abbiamo già ricevuto. Il tempo non è il guardiano di ciò che diamo oggi. Noi diamo a coloro che non sono ancora nati ed a coloro che sono morti, ad ogni Pensiero di Dio, ed alla Mente nella quale questi Pensieri sono nati e si riposano. E ricordiamo loro il loro luogo di riposo ogni volta che ci diciamo “io riposo in Dio”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s