LA PACE DI DIO SPLENDE IN ME ORA

Lo splendore della tua mente ricorda al mondo quello che esso ha dimenticato, e il mondo restituisce anche a te il ricordo. Da te la salvezza si irradia con doni incommensurabili, donati e restituiti. A te, che doni il dono, Dio Stesso rende grazie. E nella Sua benedizione la luce in te splende più luminosa, aggiungendosi ai doni che hai da offrire al mondo.

10411900_10203467537507603_8924305244315435413_n

LEZIONE 188
La pace di Dio splende in me ora.

Perché aspettare il Cielo? Coloro che cercano la luce stanno semplicemente coprendosi gli occhi. La luce è in loro adesso. L’illuminazione non è che un riconoscimento, non è affatto un cambiamento. La luce non è del mondo, ma tu che porti la luce in te sei anche tu alieno qui. La luce è venuta con te dalla tua dimora natia, ed è rimasta con te perché è tua. È la sola cosa che porti con te da Colui Che è la tua Fonte. Risplende in te perché illumina la tua dimora, e ti riconduce là da dove è venuta e dove tu sei a casa.
Questa luce non può essere perduta. Perché aspettare di trovarla in futuro, o credere che sia già stata persa, o che non sia mai esistita? Essa può essere vista così facilmente che le argomentazioni che dimostrano che non esiste diventano ridicole. Chi può negare la presenza di ciò che vede in sé? Non è difficile guardare dentro di sé, perché là ha inizio ogni visione. Non c’è alcuna immagine, sia che si tratti di sogni o che sia proveniente da una Fonte più vera, che non sia che l’ombra di ciò che si vede attraverso la visione interiore. Là inizia la percezione, e là finisce. Non ha altra fonte che questa.
La pace di Dio splende in te ora, e dal tuo cuore si estende a tutto il mondo. Essa si ferma ad accarezzare ogni cosa vivente, e le lascia una benedizione che rimane sempre e per sempre. Ciò che dà deve essere eterno. Essa elimina tutti i pensieri dell’effimero e di ciò che è senza valore. Porta rinnovamento a tutti i cuori stanchi, e illumina ogni visione mentre passa. Tutti i suoi doni sono dati a tutti, e tutti si uniscono nel rendere grazie a te che dai, e a te che hai ricevuto.

La pace di Dio non potrà mai essere contenuta. Chi la riconosce dentro di sé la deve dare. E i mezzi per darla sono nella sua comprensione. Egli perdona perché ha riconosciuto la verità in sé. La pace di Dio splende in te ora, e in tutte le cose viventi. Nella quiete essa è riconosciuta universalmente. Perché quello che la tua visione interiore vede è la tua percezione dell’universo.
Siedi tranquillamente e chiudi gli occhi. La luce dentro di te è sufficiente. Essa da sola ha il potere di darti il dono della vista. Escludi il mondo esterno, e lascia che i tuoi pensieri volino verso la pace dentro di te. Conoscono la strada. Perché i pensieri onesti, non contaminati dal sogno delle cose terrene al di fuori di te, diventano i messaggeri santi di Dio Stesso.
Questi pensieri li pensi con Lui. Essi riconoscono la loro dimora. E indicano con sicurezza la loro Fonte, Dove Dio Padre ed il Figlio sono uno. La pace di Dio splende su di essi, ma essi devono rimanere anche con te, perché sono nati nella tua mente, così come la tua mente è nata in quella di Dio. Essi ti riconducono alla pace, da cui sono venuti solo per ricordarti come devi ritornare.
Essi prestano attenzione alla Voce di tuo Padre quando rifiuti di ascoltare. E ti spingono dolcemente ad accettare la Sua Parola in merito a ciò che sei, invece di fantasie e di ombre. Essi ti ricordano che sei il cocreatore di tutte le cose che vivono. Perché come la pace di Dio splende in te, essa deve risplendere su di loro.
Oggi ci eserciteremo ad avvicinarci alla luce in noi. Prendiamo i nostri pensieri vaganti, e riportiamoli dolcemente là dove essi si conformano a tutti i pensieri che condividiamo con Dio. Non li lasceremo vagare. Lasceremo che la luce dentro le nostre menti li guidi a tornare a casa. Li abbiamo traditi, ordinando che si allontanassero da noi. Ma ora li richiamiamo, li laviamo e li ripuliamo dei desideri strani e delle brame disordinate. Restituiamo loro la santità della loro eredità.
La nostra mente viene così restaurata con essi, e noi riconosciamo che la pace di Dio splende tuttora in noi, e da noi verso tutti gli esseri viventi che condividono la nostra vita. Noi li perdoneremo tutti, assolvendo tutto il mondo da quello che pensavamo ci avesse fatto. Perché siamo noi che facciamo il mondo come vogliamo che sia. Ora scegliamo che sia innocente, privo di peccato e aperto alla salvezza. E poniamo la nostra benedizione salvifica su di esso, mentre diciamo:

La pace di Dio splende in me ora.
Che tutte le cose splendano su di me in quella pace,
e che io le benedica con la luce che è in me.

—-IMPORTANTE—- Seguire il testo è fondamentale, così come i principi descritto nel Manuale degli Insegnanti, la Chiarificazione dei Termini e i nuovi contenuti. Puoi acquistare il libro on line, cliccando su questo link:

http://www.macrolibrarsi.it/search/?search3=un+corso+in+miracoli

One thought on “LA PACE DI DIO SPLENDE IN ME ORA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s