LEZIONE 122

IMG_9357

LEZIONE 122
Il perdono offre tutto ciò che voglio.

Che cosa potresti volere che il perdono non può dare? Vuoi la pace? Il perdono la offre. Vuoi la felicità, una mente quieta, la certezza riguardo al tuo scopo, un senso di valore e di bellezza che trascenda il mondo? Vuoi cura e sicurezza, e il calore di una protezione sempre sicura? Vuoi una calma che non può essere turbata, una dolcezza che non possa essere ferita, un benessere profondo e durevole, ed un riposo così perfetto da non poter essere mai turbato?
Il perdono ti offre tutto questo, e ancora di più. Rifulge nei tuoi occhi quando ti svegli, e ti dà la gioia con cui andare incontro al giorno. Rilassa la tua fronte quando dormi e si posa sulle tue palpebre, cosicché tu non veda sogni di paura e di malvagità, di malignità e di attacco. E quando ti risvegli di nuovo ti offre un altro giorno di felicità e di pace. Il perdono ti offre tutto questo, e ancora di più.
Il perdono permette che venga sollevato il velo che nasconde il volto di Cristo a coloro che guardano il mondo con occhi che non perdonano. Ti fa riconoscere il Figlio di Dio e pulisce la tua memoria da tutti i pensieri morti, cosicché il ricordo di tuo Padre possa apparire sulla soglia della tua mente. Che cosa vorresti che il perdono non possa dare? Quali doni, al di fuori di questi, vale la pena di cercare? Quale valore immaginario, effetto triviale o promessa transitoria, che non verrà mai mantenuta, può contenere una speranza maggiore di quella portata dal perdono?
Perché vuoi cercare una risposta diversa da quella che risponderà a tutto? Ecco la risposta perfetta, data a domande imperfette, a richieste senza senso, a una tiepida disponibilità ad ascoltare, a una diligenza meno che mediocre e a una fiducia parziale. Ecco la risposta! Non cercarla più. Non ne troverai un’altra al suo posto.
Il piano di Dio per la tua salvezza non può cambiare e non può fallire. Sii grato che rimanga esattamente come Egli l’ha pianificato. Immutabile si erge davanti a te come una porta aperta, e ti chiama con calore dandoti il benvenuto oltre la porta, invitandoti ad entrare dove appartieni e a sentirti a casa, nella casa a cui appartieni.
Ecco la risposta! Vorresti restare fuori mentre tutto il Cielo ti aspetta all’interno? Perdona e sii perdonato. Dando riceverai. Non c’è altro piano che questo per la salvezza del Figlio di Dio. Gioiamo oggi del fatto che sia così, perché qui abbiamo una risposta chiara e lineare, al di là dell’inganno, nella sua semplicità. Tutte le complicazioni che il mondo ha intessuto di fragili ragnatele, spariscono di fronte al potere ed alla maestà di questa affermazione estremamente semplice della verità.
Ecco la risposta! Non andartene di nuovo a vagare senza meta. Accetta la salvezza adesso. È il dono di Dio, non del mondo. Il mondo non può dare doni di alcun valore ad una mente che ha ricevuto ciò che Dio le ha dato come suo. Dio vuole che la salvezza sia ricevuta oggi, e che le complessità dei tuoi sogni non ti nascondano più la loro nullità.
Apri gli occhi oggi e vedi un mondo felice di sicurezza e di pace. Il perdono è il mezzo con cui viene a prendere il posto dell’inferno. Quietamente sorge a salutare i tuoi occhi aperti e ti riempie il cuore di tranquillità profonda, mentre antiche verità, rinate per sempre, si destano alla tua consapevolezza. Ciò che ricorderai in quel momento non potrà mai essere descritto. Eppure il tuo perdono te lo offre.

Ricordando i doni che il perdono offre, intraprendiamo i nostri odierni periodi di pratica con la speranza e la fede che questo sarà il giorno in cui la salvezza sarà nostra. Oggi la cercheremo seriamente e con gioia, consapevoli di avere la chiave nelle nostre mani, accettando la risposta del Cielo all’inferno che abbiamo fatto, ma dove non vogliamo più rimanere.
Mattino e sera diamo con gioia un quarto d’ora alla ricerca nella quale è garantita la fine dell’inferno. Inizia con speranza, poiché abbiamo raggiunto il punto di svolta, in cui la strada diventa molto più semplice. Ed ora il cammino che ancora ci resta da fare è breve. Siamo veramente vicini alla fine del sogno prescritta.
Immergiti nella felicità quando inizi questi periodi di pratica, perché essi offrono le sicure ricompense date dalle domande a cui è stato risposto, e da tutto ciò che la tua accettazione della risposta comporta. Oggi ti sarà dato di sentire la pace che il perdono offre, e la gioia che il sollevarsi del velo ti porge.
Davanti alla luce che riceverai oggi il mondo svanirà fino a scomparire, e vedrai sorgere un altro mondo che non avrai parole per descrivere. Ora avanziamo direttamente nella luce, e riceviamo i doni che sono stati custoditi per noi dall’inizio del tempo, in attesa di questo giorno.
Il perdono offre tutto ciò che vuoi. Oggi ti saranno date tutte le cose che vuoi. Durante tutta la giornata, non permettere che i tuoi doni diminuiscano, mentre ritorni nuovamente ad incontrare un mondo in continuo cambiamento e dall’apparenza squallida. Mantieni i tuoi doni in chiara consapevolezza mentre nel cuore del cambiamento vedi ciò che non muta: la luce della verità oltre le apparenze.
Non farti tentare dal lasciare che i tuoi doni scivolino via e vengano trascinati nell’oblio, ma tienili saldi nella tua mente, per mezzo dei tuoi tentativi di pensarci almeno un minuto ogni quarto d’ora che passa. Ricordati di quanto sono preziosi questi doni grazie a questo promemoria, che ha il potere di mantenere nella tua consapevolezza i tuoi doni per tutto il giorno:

Il perdono offre tutto ciò che voglio.
Oggi ho accettato questo come vero.
Oggi ho ricevuto i doni di Dio.
La lettura: Il piano di perdono dello Spirito Santo
L’Espiazione è per tutti, perché è il modo per disfare la credenza che qualcosa sia solo per te. Perdonare è guardare oltre. Guarda, quindi, oltre l’errore e non permettere alla tua percezione di soffermarsi su di esso, perché crederai in ciò che la tua percezione sostiene. Se vuoi conoscere te stesso, accetta come vero solo ciò che tuo fratello è. Percepisci ciò che lui non è e non potrai sapere cosa sei, perché lo vedrai falsamente. Ricorda sempre che la tua Identità è condivisa, e che la Sua condivisione è la Sua realtà.
Hai una parte da svolgere nell’Espiazione, ma il piano dell’Espiazione è al di là di te. Non capisci come guardare oltre gli errori, altrimenti non ne faresti. Sarebbe semplicemente un errore ulteriore sia credere che non ne fai, sia che tu possa correggerli senza una Guida per la correzione. E se non seguirai questa Guida, i tuoi errori non saranno corretti. Questo piano non viene da te a causa delle tue idee limitate su ciò che sei. È da questo senso di limitazione che nascono tutti gli errori. Il modo per disfarli, quindi, non viene da te, ma è per te.
L’Espiazione è una lezione di condivisione, che ti è data perché hai dimenticato come condividere. Lo Spirito Santo ti ricorda semplicemente l’uso naturale delle tue capacità. Reinterpretando la capacità di attaccare nell’abilità di condividere, traduce ciò che hai fatto in ciò che Dio ha creato. Se vuoi compiere ciò tramite Lui, non puoi guardare le tue capacità con gli occhi dell’ego, o le giudicherai alla sua maniera. Tutta la loro pericolosità sta nel giudizio dell’ego. Tutta la loro utilità è nel giudizio dello Spirito Santo.
Anche l’ego ha un piano di perdono perché tu ne chiedi uno, anche se non all’insegnante giusto. Ovviamente il piano dell’ego non ha senso e non funzionerà. Seguendo il suo piano ti metterai semplicemente in una situazione impossibile, risultato al quale l’ego ti conduce sempre. Il piano dell’ego è di farti prima vedere chiaramente l’errore, per poi non vederlo più. Tuttavia, come puoi non vedere ciò che hai reso reale? Vedendolo chiaramente, lo hai reso reale e non puoi non vederlo. Qui è dove l’ego è costretto a far appello ai “misteri”, sostenendo che devi accettare ciò che è senza significato per salvarti. Hanno cercato in molti di fare questo nel mio nome, dimenticando che le mie parole sono perfettamente sensate perché vengono da Dio. Sono sensate ora come lo sono sempre state, perché parlano di idee eterne.
Il perdono che viene imparato da me non usa la paura per disfare la paura. Nè rende reale l’irreale per poi distruggerlo. Il perdono attraverso lo Spirito Santo consiste semplicemente nel non vedere l’errore fin dall’inizio, e così mantenerlo irreale per te. Non permettere minimamente alla tua mente di credere nella sua realtà, o crederai anche che devi disfare ciò che hai fatto per essere perdonato. Ciò che non ha effetti non esiste, e per lo Spirito Santo gli effetti dell’errore sono inesistenti. Cancellando fermamente e coerentemente tutti i suoi effetti, ovunque e in ogni aspetto, Egli insegna che l’ego non esiste e lo dimostra. Segui, quindi, l’insegnamento di perdono dello Spirito Santo, perché il perdono è la Sua funzione e Lui sa come compierla perfettamente. Questo è ciò che volevo dire quando ho detto che i miracoli sono naturali e che quando non accadono qualcosa non ha funzionato. I miracoli sono semplicemente il segno che sei disposto a seguire il piano dello Spirito Santo per la salvezza, riconoscendo che non capisci cos’è. Il Suo compito non è la tua funzione, e a meno che tu non accetti ciò, non potrai imparare cos’è la tua funzione.
La confusione di funzioni è così tipica dell’ego, che a questo punto dovrebbe esserti piuttosto familiare. L’ego crede che tutte le funzioni gli appartengano, anche se non ha idea di cosa siano. Questo è più di una semplice confusione. È una combinazione di grandiosità e confusione particolarmente pericolosa, che fa sì che l’ego sia portato ad attaccare chiunque e qualsiasi cosa senza alcuna ragione. Questo è esattamente ciò che l’ego fa. È imprevedibile nelle sue reazioni, perché non ha idea di ciò che percepisce.
Se non hai idea di ciò che sta succedendo, come puoi aspettarti di agire appropriatamente? Potresti chiederti, indipendentemente da quanto tu possa giustificare la reazione, se la sua imprevedibilità ponga l’ego in una posizione affidabile come tua guida. Lascia che ti ripeta che i requisiti dell’ego come guida sono particolarmente infelici, e che esso è una scelta assai scadente come insegnante di salvezza. Chiunque scelga una guida completamente folle deve essere completamente folle egli stesso. E non è vero che non ti rendi conto che la guida è folle. Te ne rendi conto perché io me ne rendo conto, e tu l’hai giudicata secondo gli stessi criteri che ho io.
L’ego vive letteralmente di tempo preso in prestito, e i suoi giorni sono contati. Non aver paura del Giudizio Universale, ma dagli il benvenuto e non aspettare, perché il tempo dell’ego è “preso in prestito” dalla tua eternità. Questa è la Seconda Venuta che è stata fatta per te allo stesso modo in cui è stata creata la Prima. La Seconda Venuta è semplicemente il ritorno del buon senso. È forse possibile che questo faccia paura?
Cosa può far paura se non la fantasia, e chi si rivolgerebbe alla fantasia a meno che non disperi di trovare soddisfazione nella realtà? Tuttavia è certo che non troverai mai soddisfazione nella fantasia, così che la tua sola speranza è di cambiare idea in merito alla realtà. Solo se la decisione che la realtà fa paura è sbagliata Dio può avere ragione. E ti assicuro che Dio ha ragione. Sii contento, quindi, di esserti sbagliato, ma questo è successo solo perché non sapevi chi fossi. Se lo avessi saputo, non avresti potuto sbagliarti più di quanto lo possa Dio.
L’impossibile può accadere solo nella fantasia. Quando cerchi la realtà nelle fantasie non la troverai. I simboli della fantasia sono dell’ego, e di questi ne troverai molti. Ma non cercare alcun significato in essi. Non hanno più significato delle fantasie in cui sono intessuti. Le favole possono essere piacevoli o spaventose, ma nessuno dichiara che sono vere. I bambini possono crederci e così, per un po’, le favole sono vere per loro. Tuttavia quando emerge la realtà, le fantasie svaniscono. La realtà non è scomparsa, nel frattempo. La Seconda Venuta è la consapevolezza della realtà, non il suo ritorno.
Guarda, bambino mio, la realtà è qui. Appartiene a te, a me e a Dio, ed è perfettamente soddisfacente per tutti Noi. Solo questa consapevolezza guarisce, perché è la consapevolezza della verità.

—-IMPORTANTE—- Seguire il testo è fondamentale, così come i principi descritto nel Manuale degli Insegnanti, la Chiarificazione dei Termini e i nuovi contenuti. Puoi acquistare il libro on line, cliccando su questo link:
http://www.macrolibrarsi.it/search/?search3=un+corso+in+miracoli

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s