LEZIONE 125

10465528_954341684592346_6529270561206068048_o

LEZIONE 125

Nella quiete ricevo oggi la Parola di Dio.

 

Lascia che questo sia un giorno di pace e di quieto ascolto. Tuo Padre vuole che oggi tu ascolti la Sua Parola. Ti chiama dalla profondità della tua mente dove Egli dimora. AscoltaLo oggi. Non sarà possibile alcuna pace fintanto che la Sua Parola non sarà ascoltata in tutto il mondo, fintantoché la tua mente non accetterà, in quieto ascolto, il messaggio che il mondo ha bisogno di udire per inaugurare l’epoca quieta della pace.

Questo mondo cambierà attraverso di te. Nessun altro mezzo può salvarlo, poiché il piano di Dio è semplicemente questo: il Figlio di Dio è libero di salvare se stesso, a lui è data la Parola di Dio perché gli sia da Guida, per sempre nella sua mente e al suo fianco per condurlo con sicurezza alla casa di suo Padre secondo la sua volontà, per sempre libera come quella di Dio. Non viene condotto con la forza, ma solo con l’amore. 4Non viene giudicato, ma solo santificato.

Nella quiete oggi ascolteremo la Voce di Dio senza l’intrusione dei nostri pensieri insignificanti, senza i nostri desideri personali, e senza alcun giudizio sulla Sua santa Parola. Non ci giudicheremo oggi, perché ciò che siamo non può essere giudicato. Resteremo distaccati da tutti i giudizi che il mondo ha posto sul Figlio di Dio. Esso non lo conosce. Oggi non ascolteremo il mondo, ma aspetteremo in silenzio la Parola di Dio.

Ascolta, santo Figlio di Dio, tuo Padre che parla. La Sua Voce ti darà la Sua santa Parola, perché venga diffusa in tutto il mondo la lieta novella della salvezza e l’epoca santa della pace. Oggi ci raduniamo attorno al trono di Dio, il luogo tranquillo all’interno della mente ove Egli risiede per sempre, nella santità che Egli ha creato e che non lascerà mai.

Egli non ha atteso finché tu volgessi a Lui la tua mente per darti la Sua Parola. Non Si è nascosto da te, mentre vagabondavi per un po’ lontano da Lui. Egli non coltiva le illusioni che nutri su te stesso. Egli conosce Suo Figlio, e vuole che resti parte di Lui indipendentemente dai suoi sogni, indipendentemente dalla sua pazzia secondo la quale la sua volontà non gli appartiene.

Oggi Egli ti parla. La Sua Voce attende il tuo silenzio, perché la Sua Parola non può essere udita fintanto che la tua mente non resta quieta per un po’, e i desideri senza significato non siano stati placati. Nella quiete attendi la Sua Parola. Dentro di te c’è la pace da invocare oggi perché ti aiuti a preparare la tua santissima mente a sentire la Voce che parla per il suo Creatore.

Oggi per tre volte, nei momenti più adatti al silenzio, dedica dieci minuti per distaccarti dall’ascolto del mondo, e scegliere invece il dolce ascolto della Parola di Dio. Egli ti parla da più vicino del tuo cuore. La Sua Voce è più vicina della tua mano. Il Suo Amore è tutto ciò che sei e ciò che Egli è, uguale a te, e tu uguale a Lui.

È la tua Voce che ascolti mentre Egli ti parla. È la tua Parola quella che Egli dice. È la Parola della libertà e della pace, dell’unità di volontà e scopo, senza alcuna separazione né divisione nell’unica Mente del Padre e del Figlio. Nella quiete ascolta oggi il tuo Sé, e lascia che Egli ti dica che Dio non ha mai lasciato Suo Figlio, e tu non hai mai lasciato il tuo Sé.

Sii solo quieto. Non avrai bisogno di altra regola che questa, per permettere alla tua pratica odierna di innalzarti al di sopra del modo di pensare del mondo, e di liberare la tua visione dagli occhi del corpo. Resta solo nella quiete e ascolta. Udrai la Parola nella quale la Volontà di Dio Figlio si unisce alla Volontà del Padre, una con essa, senza che alcuna illusione si frapponga tra ciò che è completamente indivisibile e vero. Col passare di ogni ora oggi, sii quieto un attimo e ricordati che hai uno scopo speciale per questo giorno: ricevere nella quiete la Parola di Dio.

 

La riflessione: Lo scopo di oggi è ricevere nella quiete la Parola di Dio. Dopo l’applicazione di questa lezione, mi sono accorta di com’è fondamentale che i pensieri di scarsità vengano riconosciuti e di come sia altrettanto fondamentale scegliere di donarli allo Spirito Santo affinché mi insegni la corretta percezione del corpo. Non si tratta di escludere, di svincolare, di bypassare. Si tratta di riconoscere profondamente il valore di ogni pensiero di scarsità, quale vantaggio ha prodotto fino a quel momento e la possibilità di scegliere diversamente attraverso il dono che offre lo Spirito Santo. Si tratta di percorrere la strada verso casa con gli occhi aperti sugli ostacoli alla pace non per poterli evitare ma per poterli trasformare. Non è una scoperta bensì un’osservazione piuttosto semplice, considerato che ogni cosa in questo mondo necessita di correzione poiché il mondo, tutto, è stato fatto su basi di colpa, peccato e paura. Ogni cosa può essere trasformata. Fino al momento in cui la pace è l’unica sana richiesta da fare allo Spirito Santo. Nella quiete che il “mettersi da parte” offre, ogni condizione può essere vista per quella che è: una scelta fatta su basi di carenza, che ha generato carenza. Nella quiete, le immagini di conflitto svaniscono per lasciare il posto alla pace.  E così sia.

—-IMPORTANTE—- Seguire il testo è fondamentale, così come i principi descritto nel Manuale degli Insegnanti, la Chiarificazione dei Termini e i nuovi contenuti. Puoi acquistare il libro on line, cliccando su questo link:

http://www.macrolibrarsi.it/search/?search3=un+corso+in+miracoli

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s