IL MONDO CHE VEDO NON CONTIENE NULLA CHE IO VOGLIA

IMG_6483

LEZIONE 128

Il mondo che vedo non contiene nulla che io voglia.

Il mondo che vedi non contiene nulla che tu abbia bisogno di offrirti; nulla che tu possa usare in alcun modo e assolutamente nulla che serva a darti gioia. Credi a questo pensiero e ti saranno risparmiati anni di sofferenze, di delusioni innumerevoli e di speranze che si trasformano nella cenere amara della disperazione. Tutti devono accettare come vero questo pensiero, se vogliono lasciarsi alle spalle il mondo e spiccare il volo al di là delle sue misere possibilità e dei suoi mezzucci.

Ogni cosa cui qui dai valore non è che una catena che ti lega al mondo, e non servirà ad altro fine che a questo. Perché ogni cosa deve servire allo scopo che gli hai assegnato, fino a che non vedrai in essa uno scopo diverso. Il solo scopo degno della tua mente che questo mondo contiene è che tu lo trascenda, senza attardarti a percepire delle speranze dove non ce ne sono. Non ingannarti più. Il mondo che vedi non offre nulla che tu voglia.

Sfuggi oggi alle catene che metti alla tua mente quando percepisci la salvezza qui. Poiché quello a cui dai valore lo rendi parte di te così come ti percepisci. Tutte le cose che cerchi per rendere più grande il tuo valore ai tuoi occhi ti limitano ulteriormente, nascondono il tuo valore, e aggiungono un altro ostacolo che sbarra la porta che conduce alla vera consapevolezza del tuo Sé.

Non permettere a nulla che sia riferito a pensieri del corpo di ritardare il tuo progresso verso la salvezza e non permettere che la tentazione di credere che il mondo contenga qualcosa che tu voglia, ti trattenga. Qui non c’è nulla che vada nutrito. Nulla qui vale un istante di ritardo e di dolore, un momento di incertezza e di dubbio. Ciò che non ha valore non offre nulla. La certezza del valore non può trovarsi in ciò che non ha valore.

Oggi ci eserciteremo nel lasciar andare tutti i pensieri relativi ai valori che abbiamo attribuito al mondo. Lo lasceremo libero dagli scopi che abbiamo conferito ai suoi aspetti e alle sue fasi e ai suoi sogni. Lo manterremo nella nostra mente senza alcuno scopo, e lo libereremo da tutto ciò che vorremmo che fosse. In questo modo solleveremo davvero le catene che sbarrano la porta alla libertà dal mondo, e andremo al di là di tutti i piccoli valori e degli obiettivi meschini.

Fermati e mettiti quieto un momento per guardare di quanto ti ergi al di sopra del mondo, quando liberi la tua mente dalle catene e le permetti di cercare il livello in cui si trova a casa. Sarà grata di essere libera per un po’. Conosce il luogo a cui appartiene. Ma libera le sue ali e volerà in sicurezza e in gioia per unirsi al suo santo scopo. Lascia che riposi nel suo Creatore, per essere là restituita alla sanità mentale, alla libertà ed all’amore.

Dalle oggi per tre volte dieci minuti di riposo. E quando riaprirai gli occhi, non valuterai nulla di ciò che vedi tanto quanto lo valutavi quando lo guardavi prima. La tua intera prospettiva del mondo cambierà un pochino ogni qualvolta permetterai alla tua mente di sfuggire alle sue catene. Essa non appartiene al mondo. E tu appartieni al luogo in cui essa vuole essere e dove va a riposarsi quando la liberi dal mondo. La tua Guida è sicura. Apri a Lui la tua mente. Sii calmo e riposa.

Allo stesso modo proteggi la tua mente durante tutta la giornata. E quando penserai di vedere un qualche valore in un aspetto o un’immagine del mondo, rifiutati di mettere questa catena alla tua mente, ma dì a te stesso con tranquilla certezza:

Questo non mi tenterà ad attardarmi.

Il mondo che vedo non contiene nulla che io voglia.

 

La riflessione: Dal Glossario di Kenneth Wapnick – Introduzione a Un Corso in Miracoli, che vi suggerisco di acquistare e leggere con attenzione al fine di comprendere ancor meglio le linee guida del Corso:

PRINCIPIO DI SCARSITA’: Aspetto della colpa; il credere che siamo vuoti e incompleti e ci manca ciò di cui abbiamo bisogno; questo ci porta a cercare idoli o relazioni speciali per riempire la scarsità che sentiamo dentro di noi; inevitabilmente proiettato in sensazioni di deprivazione, a causa delle quali crediamo che gli altri ci stiano privando della pace che in realtà noi abbiamo tolto a noi stessi; in contrapposizione col principio di abbondanza di Dio.

PROIEZIONE: Legge fondamentale della mente: la proiezione fa la percezione, ciò che vediamo dentro determina ciò che vediamo fuori dalla nostra mente.

mente sbagliata: rinforza la colpa spostandola in qualcun altro, attaccandola lì e negandone la presenza in noi stessi; tentativo di spostare la responsabilità della separazione da noi stessi agli altri.

mente corretta: principio di estensione, disfa la colpa permettendo al perdono dello Spirito Santo di essere esteso (proiettato) tramite il nostro.

RELAZIONI SPECIALI: Relazioni sulle quali proiettiamo la colpa, sostituendole all’azione e alla nostra vera relazione con Dio; le difese che rinforzano la credenza nel principio di scarsità mentre apparentemente lo stanno disfacendo, facendo ciò da cui vorrebbero difendere, perché le relazioni speciali tentano di colmare la mancanza che percepiamo in noi stessi prendendo dagli altri che inevitabilmente vengono visti come separati, rinforzando così una colpa che in definitiva viene dal credere di essere separati da Dio: pensiero di attacco che è la fonte originale del nostro senso di mancanza; tutte le relazioni di questo mondo iniziano come speciali dato che iniziano con la percezione della separazione e di differenze che devono poi essere corrette dallo Spirito Santo attraverso il perdono, rendendo la relazione santa; l’essere speciale ha due forme: l’odio speciale giustifica la proiezione della colpa attraverso l’attacco; l’amore speciale nasconde l’attacco nell’illusione di amore, nella quale crediamo che i nostri bisogni speciali vengono soddisfatti da persone speciali con attributi speciali, per cui le amiamo: in questo senso l’amore speciale è pressappoco equivalente alla dipendenza, che produce disprezzo e odio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s