IO SONO IL SANTO FIGLIO DI DIO STESSO

IMG_9449

Lezione 191

Io sono il santo Figlio di Dio Stesso.

Ecco la tua dichiarazione di liberazione dalla schiavitù del mondo. Ed ecco che allo stesso modo tutto il mondo viene liberato. Tu non vedi cosa hai fatto dando al mondo il ruolo di carceriere del Figlio di Dio. Cosa avrebbe potuto diventare se non cattivo e timoroso, terrorizzato dalle ombre, punitivo e selvaggio, privo di ragione, cieco, folle di odio?

Cos’hai fatto perché questo debba essere il tuo mondo? Cos’hai fatto perché questo debba essere ciò che vedi? Nega la tua Identità, e questo è ciò che resta. Guardi il caos e proclami che esso è ciò che sei. Non vedi nulla che non te ne renda testimonianza. Non c’è suono che non ti parli della fragilità dentro e fuori di te, né respiro che prendi che non sembri portarti più vicino alla morte, né speranza che nutri che non si dissolverà in lacrime.

Nega la tua stessa Identità, e non sfuggirai alla pazzia che ha indotto questo pensiero bizzarro, innaturale e grottesco che si fa beffa della creazione e deride Dio. Nega la tua stessa Identità, ed assalirai l’universo da solo, senza un amico, una piccola particella di polvere contro le legioni dei tuoi nemici. Nega la tua stessa Identità, e vedrai il male, il peccato e la morte, ed osserverai la disperazione strappare dalle tue dita ogni filo di speranza, senza lasciarti altro che il desiderio di morire.

Ma cosa può essere se non un gioco quello in cui si può negare la propria Identità? Tu sei come Dio ti ha creato. È follia credere a qualsiasi altra cosa. Con questo unico pensiero tutti vengono liberati. Con quest’unica verità tutte le illusioni svaniscono. Con questo unico fatto l’assenza di peccato viene proclamata ad essere per sempre parte di ogni cosa, il nucleo centrale della sua esistenza e la sua garanzia di immortalità.

Ma permetti all’idea di oggi di trovare posto tra i tuoi pensieri e ti sarai elevato molto al di sopra del mondo e di tutti i pensieri mondani che lo tengono prigioniero. E da questo luogo di sicurezza e salvezza ritornerai per renderlo libero. Perché colui che può accettare la propria vera Identità è salvo veramente. E la sua salvezza è il dono che egli dà a tutti, in gratitudine nei confronti di Colui Che ha indicato la strada verso la felicità che ha cambiato totalmente la propria prospettiva del mondo.

Un solo santo pensiero come questo e sei libero: tu sei il santo Figlio di Dio Stesso. E con questo santo pensiero impari anche che hai liberato il mondo. Non hai alcun bisogno di usarlo crudelmente per poi percepire in esso questa crudele necessità. Lo liberi dal tuo imprigionamento. Non vedrai un’immagine devastante di te stesso vagare nel mondo con terrore, mentre il mondo si contorce nell’agonia perché le tue paure hanno impresso il marchio della morte nel suo cuore.

Sii felice oggi per come l’inferno viene disfatto facilmente. Hai solo bisogno di dire a te stesso:

Io sono il Santo Figlio di Dio Stesso. Non posso soffrire, non posso provare dolore, non posso subire perdita, né non riuscire a fare tutto ciò che la salvezza richiede.

E con questo pensiero tutto ciò che guardi è completamente cambiato.

Un miracolo ha illuminato tutte le oscure ed antiche caverne dove i riti di morte echeggiavano sin dall’inizio del  tempo. Perché il tempo ha perso la sua presa sul mondo. Il Figlio di Dio è venuto nella gloria per redimere colui che si è smarrito, per salvare l’indifeso e dare al mondo il dono del suo perdono. Chi potrebbe vedere il mondo come oscuro e peccaminoso, quando il Figlio di Dio è finalmente tornato a liberarlo?

Tu che ti percepisci debole e fragile, con futili speranze e sogni devastati, nato solo per morire, piangere e patire dolore, ascolta questo: ogni potere ti è dato in Cielo e in terra. Non c’è nulla che tu non possa fare. Tu giochi il gioco della morte, di essere indifeso, legato penosamente alla dissoluzione in un mondo che non ti mostra alcuna misericordia. Tuttavia, quando tu gli concederai misericordia, la sua misericordia splenderà su di te.

Lascia dunque che il Figlio di Dio si risvegli dal suo sonno, e aprendo i suoi santi occhi torni di nuovo a benedire il mondo che ha fatto. Ha cominciato nell’errore, ma terminerà col riflettere la sua santità. E non dormirà più, e non farà sogni di morte. Unisciti dunque a me oggi. La tua gloria è la luce che salva il mondo. Non negare ulteriormente la salvezza. Osserva il mondo e vedi la sofferenza che è in esso. Il tuo cuore non è forse disposto a portare il riposo ai tuoi fratelli esausti?

Essi devono aspettare la tua liberazione. Resteranno incatenati finché tu non sarai libero. Non potranno vedere la misericordia nel mondo finché tu non la troverai in te stesso. Proveranno dolore finché tu non avrai negato la sua presa su di te. Moriranno finché tu non accetterai la tua vita eterna. Tu sei il santo Figlio di Dio Stesso. Ricorda questo, e tutto il mondo sarà libero. Ricorda questo, e la terra ed il Cielo saranno una cosa sola.

—-IMPORTANTE—- Seguire il testo è fondamentale, così come i principi descritto nel Manuale degli Insegnanti, la Chiarificazione dei Termini e i nuovi contenuti. Puoi acquistare il libro on line, cliccando su questo link:

http://www.macrolibrarsi.it/search/?search3=un+corso+in+miracoli

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s